Henrik Håkansson

nightingale: love two times

  • Opening   From 17:00
Press-release

Pinksummer: Probabilmente non esiste la natura in se', ma solo la natura pensata; la natura in se' e' una mera astrazione. Il mondo fisico e' sempre lo stesso, mentre la storia ci consegna tante idee di natura, speculari ai differenti concetti di scienza e morale dei tempi. Qual'e' la tua idea di natura?

Henrik Håkansson: Oggi, lunedi', piove, forse tutto questo rimanda alla natura: una suggestione come l'ambiente che ovunque e in ogni istante circonda e include lo spazio dentro al quale noi siamo parte della vita in generale. E poi e' anche una parte di quello spazio che perdiamo alla velocita' di circa 10 campi da football al secondo.

P:Puo' essere che ogni idea di natura rappresenti lo zeitgeist di un particolare segmento di storia?

H.H: Non sono troppo sicuro della domanda, comunque risponderei si.

P: Durante un'intervista con Daniel Birnbaum hai detto: ''Io sono l'unico punto di partenza. Ogni cosa e' vista dal mio punto di vista, tutto muove da cio' che voglio vedere''. Cosa significa?

H.H: Semplicemente che sto provando a trarre delle esperienze, a sperimentare.

P: Il tuo lavoro e' stato scelto da Okwui Enwezor per ''Mirror's Edge'' una mostra basata sull'idea contemporanea di confusione tra realta' e finzione; eri anche in ''The Greenhouse effect'' curata da Ralph Rugoff e Lisa Currin lo scorso anno alla Serpentine Gallery di Londra, nella quale 16 artisti contemporanei (tra i quali Olafur Eliasson, Tom Friedman e Yutaka Sone) hanno lavorato sull'idea di Joseph Beuys che pensava l'artista come mediatore per unire i mondi antitetici di natura e cultura. Cosa pensi circa queste differenti interpretazioni del tuo
lavoro?

H.H: Di fatto non ci ho mai pensato, ma entrambe le idee mi piacciono.

P: Cosa pensi del concetto di giardino?

H.H: Il mio giardino e' semplicemente la natura selvaggia.

P: Hai detto di te di essere ''un entusiasta amatore''. Significa che il tuo approccio con la natura e' di tipo romantico. Che differenza c'e' tra l'approccio scientifico e quello artistico: entrambi non muovono dalla fascinazione?

H.H: Si, non so, ma si.

P: Per creare i tuoi ecosistemi popolati da piante e insetti e per spiare la vita degli animali usi sofisticati apparecchi tecnologici. La scienza offre un nuovo modo di avvicinare la natura?

H.H: Infine l'uomo e' riuscito a costruire una reale giungla finzionale per il soffitto di una stanza ''After forever (ever all)'' senza l'aiuto della pittura. Certo, ma si tratta di un'illusione: e' un po' come un film.

P: Non riesce tanto facile pensare al tuo ''Sleep'', film incentrato sul riposo dell'anaconda gigante, secondo i canoni di un'estetica alla Grande Fratello. Hai visto ''The Bugs Life''?

H.H: Credo di si', ma mi sembra ne fosse uscito anche un altro dal titolo "The Ants" di cui ricordo solo che era triste.

P:Cosa presenterai da Pinksummer?

H.H: Faro' due tracce sonore lavorando sul canto di due differenti uccelli: l'usignolo luscinia luscinia e il comune usignolo Luscinia megarhynchos entrambi semplicemente chiamati usignoli. Il primo e' stato registrato in Svezia, l'altro a Genova. I suoni saranno usati per produrre un disco con due lati di canti d'amore. L'installazione prevede che i suoni vengano ascoltati contemporaneamente. Questo sarà il mio secondo disco prodotto per essere distribuito liberamente ed è parte di un progetto che implica differenti aspetti di variazioni comunicative
e atmosfere.

The project "Nightingale: Love Two Times" is a co-production Pinksummer/Franco Noero special thanks to: L.I.P.U, section of genoa, and Cooperativa Castello della Pietra (Vobbia)

Invitation card
nightingale: love two times
nightingale: love two times
nightingale: love two times
nightingale: love two times
nightingale: love two times
nightingale: love two times
nightingale: love two times
Opening photography   Paolo Palmieri